kinesiotaping

I vantaggi dei cerotti taping kinesiologici

Particolarmente utilizzato tra gli sportivi, il kinesio-taping è un metodo terapeutico con molteplici caratteristiche e indicazioni.

Inventato dal dott. Kenzo Kaze, chiropratico giapponese negli anni ’70, aiuta ad alleviare il leggero dolore muscolare.

Gli effetti del K-Taping

Il taping è un metodo terapeutico con molteplici indicazioni e caratteristiche, i cui benefici non sono più da dimostrare.

Tra le loro numerose applicazioni, i cerotti kinesiologici sono infatti in grado di ridurre il dolore muscolare, i problemi articolari, di facilitare la contrazione muscolare o d’inibire un muscolo.

file_5851_d

L’applicazione delle bande può anche consentire un evidente aumento della circolazione sottocutanea. Con questa tecnica di posizionamento può quindi evitare i lividi e la velocità di recupero dopo le attività sportive può essere aumentata.

Nel campo dello sport di alto livello, il taping è stato stabilito sia nel campo terapeutico che nelle aree di prevenzione, allenamento e preparazione.

Grazie alla colla e alla tensione esercitata sulla fascia, la fascia del taping consentirà di sollevare leggermente la pelle. È una tecnica che ti permette di lavorare sulla pelle per ridurre la tensione persistente nei muscoli, nei tendini o nei legamenti.

Va notato che l’installazione di nastro adesivo neuromuscolare non esonera dall’eseguire altre cure necessarie per ogni patologia.

Come funzionano le fasce Taping?

La fascia elastica è permeabile all’aria e al vapore ma non assorbe acqua. Questo è il motivo per cui è possibile mantenere i nastri kinesio per diversi giorni senza perdita di efficacia. Esistono bande di colori diversi sul mercato che hanno tutte le stesse caratteristiche. La fascia viene applicata con diverse forme di taglio, per seguire l’anatomia del muscolo e rimanere parallela alle fibre muscolari.

Il rosa ha un effetto tonificante. Il blu e il nero un effetto rilassante e il beige potrebbe essere considerato neutro.

kinesiotaping-tape-sandy-utah

La direzione scelta per la fascia indica la sua azione: dal muscolo verso la fine, (nella direzione della contrazione muscolare) ci sarà un’azione tonificante.

Dalla fine del muscolo al suo punto di origine avrà un’azione rilassante.

I posizionamenti delle fasce si basano sulla direzione, la tensione della fascia stessa, ed è anche possibile combinare diverse tecniche.

Fasce kinesiologiche e sport

Nella pratica sportiva, il kinesio-taping è usato principalmente per prolungare o completare l’azione di un trattamento medico dopo una sessione di fisioterapia o di correzione osteopatica.

Queste tecniche sono ideali anche per il recupero dell’attività sportiva, dopo un infortunio o semplicemente per prevenire un infortunio.

taping

È importante che l’installazione delle fasce nastromuscolari sia effettuata da una persona competente che sia in grado di conoscere i vantaggi e le controindicazioni di questo metodo. È necessario conoscere la direzione, la forma ma soprattutto la buona tensione con cui le fasce devono essere applicate sulla pelle.

Esempi di applicazioni di cerotti taping neuro muscolari

La fascia K-taping può essere applicata a fronte di una contrattura muscolare su un quadricipite. Infatti, dopo un trattamento fisioterapico, possiamo applicare bande neuromuscolari di inibizione su questo muscolo.

A fronte di un torcicollo: dopo una correzione osteopatica, possiamo mettere un cerotto taping accanto al muscolo interessato.

A fronte di una tendinite rotulea, la banda viene applicata per ottenere l’azione analgesica.

Taping è una soluzione naturale e delicata per alleviare più dolori.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *